Una combinazione “cerebrale e sensuale” di esperienze, tra arte, architettura, ottimi cibi e vini e il piacere di vagare fra strade medievali o attraverso una campagna bellissima. Così descrive l’Umbria il prestigioso quotidiano inglese The Telegraph, in un recente articolo firmato da Tim Jepson, suggerendo un viaggio tra i piccoli borghi di questa terra meravigliosa da scoprire. 

Dieci le “best towns” da visitare: Montefalco, Spello, Perugia, Assisi, Bevagna, Spoleto, Norcia, Gubbio, Todi e Orvieto.

Un itinerario pieno di “cose sorprendenti da fare” che – aggiungiamo noi – potrebbe avere come base di partenza strategica anche il Resort Castello di Gallano, che si trova proprio nel cuore dell’Umbria, in posizione centrale rispetto a tutte le principali città e attrazioni turistiche della regione. A pochi chilometri da Montefalco, terra di vigneti e del pregiato Sagrantino dove si trova anche l’ottima Cantina Perticaia, ma anche da tutte le altre città citate dal giornale inglese, in una vera e propria ode all’Umbria dei piccoli borghi e dei viaggi immersi nella natura e nella bellezza. Come Spello, dove ammirare il Pinturicchio e girare a piedi tra i vicoli medievali salendo fino al Monte Subasio. Perugia, città dalla cultura variegata e dai mille angoli segreti. Assisi culla di San Francesco e della sua spiritualità. Bevagna, semplice e serena. Spoleto, dove vivere una delle esperienze culturali più magiche d’Italia: il Festival dei Due Mondi. La bella Norcia, circondata dalle montagne e ricca di cibo straordinario. Gubbio, una delle città più belle dell’Umbria. Le magnifiche e medievali Todi e Orvieto.

Ma l’Umbria è anche tanto altro: un’esperienza unica, tutta da scoprire.   

(Foto: pagina FB “Assisi”)